lunedì 4 marzo 2013

CERCO CASA DISPERATAMENTE




Cerco casa disperatamente è uno dei programmi più inchiavabili trasmessi da RealTime, e potrei concludere qui.
Le cose però vanno così male in questo nostro ridicolo paese che tanto vale arrivi fino in fondo.
In questo blog io e Punzy abbiamo recensito sinora alcuni programmi televisivi, tutti quasi parimente brutti. Vorrei però spezzare una lancia in favore delle ciofeche recensite sinora: sono programmi sì, del menga, però da un certo punto di vista conservano – inconsapevolmente - un lato ironico, sul quale ci si possono spendere due risate.
Cerco casa disperatamente invece fa soltanto schifo.
Che dico schifo. Fa proprio incazzare. E’ un programma così inutile, finto e indisponente che al confronto il programma di pasticci in cucina della Parodi è un capolavoro.
Cerchiamo di capire per quali motivi Cerco casa disperatamente è un programma che meriterebbe di bruciare tra le fiamme dell’Ade insieme ai suoi autori e soprattutto insieme ai suoi conduttori.
Esso parte male già dalle fondamenta, cioè dal titolo.
Perché?
Ecco perché:
Cerco: voce del verbo cercare, prima persona singolare, presente indicativo. Cercare significa cercare, cioè mi serve ‘na cosa, la individuo e me la piglio. Invece no. Qui nessuno cerca davvero. Qui fanno finta di cercare, e la cosa è così evidente da risultare persino imbarazzante.
Casa: sostantivo femminile che significa struttura eretta dall’uomo per ripararsi.
Non sempre e solo attici della madonna da 2 milioni di euro o abitazioni appartenute ai Borgia con ancora le autentiche sagome sul letto di quella maiala di Lucrezia e i sigari dei suoi amanti spenti a metà nel portacenere.
Disperatamente: avverbio. Va da sé che chi ha budget dal milione di euro in su, vuole solo roba d’epoca però in centro però ristrutturata però ristrutturata mantenendo gli elementi originali in vista però integrati con la cucina di design eccetera, di disperato ha ben poco. Così poco che guarda caso, dopo aver fatto sbavare lo spettatore alla vista di magioni da sooogno, non le compra mai, avendo il coraggio di trovarci dei difetti.
I conduttori.
I conduttori sono due, che io sappia, anche se ho appena guardato il sito di ‘sto cesso di programma e ho visto la foto di una terza persona, ma sul serio, non voglio neppure sapere chi è.
La recensione probabilmente sarà inesatta ma me ne lavo le mani, io questo terzo tizio non l’ho mai visto e mi fermo alle informazioni che ho mio malgrado immagazzinato, sorbendomi qualche puntata di questa merdaccia di programma.
Quindi, per me i conduttori sono due.
Una è tale Paola Marella, sedicente “esperta” agente immobiliare, con una pettinatura da far venire gli incubi a Marilyn Manson e un tono di voce da far venire a chiunque voglia di non comprare mai più una casa, non accendere mai più una televisione e tagliarsi le orecchie per sicurezza.
Paola accompagna i non cercanti-non compratori-non disperati alla scoperta delle non-case in questione, magnificandone con un linguaggio non-italiano e certamente da non-grande-esperta-immobiliare le caratteristiche.
Paola Marella si accompagna all’architetto.
Che non è l’architetto di Matrix e secondo me non è neppure un architetto del pianeta Terra. Se lo è, si è laureato con Giannino, è l’unica spiegazione.
L’architetto buca così tanto il video ed è una figura così autorevole che non mi ricordo neppure come si chiama nonostante Paola, con quella sua vocetta da tortura medievale, lo interpelli spesso quando si incarta e non sa più che cazzo dire perché si è dimenticata chi è e dov’è.
La trasmissione è una porcheria, insomma, però bisogna ammettere che un miracolo lo compie: farmi rivalutare i contenuti di Paint your life e riconoscere che, se pensavo che Barbara fosse la peggior conduttrice sulla faccia del creato, mi sbagliavo di grosso.

13 commenti:

  1. Una trasmissione condotta dalla regina dei Borg, fantastico.
    Dov'è il capitano Picard, quando serve?!?

    RispondiElimina
  2. Paola Marella è IL MALE

    RispondiElimina
  3. Ecco sì, direi che "porcheria" è una parola che ottimamente si accosta al programma
    Saz

    RispondiElimina
  4. Non avendolo mai visto per mia fortuna, ma in quale canale lo trasmettono?
    Forse ho capito. Nel canale di sfogo delle fogne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Aldo, attraverso la piattaforma Skyfo

      Elimina
  5. unestratto da un'intervista fatta all'esimia agente Paola:
    domanda - "Ma quante case sono state effettivamente vendute nelle varie stagioni dei due programmi?"
    Risposta - "Non nascondo che non riusciamo a mantenere i rapporti con tutti i compratori e i venditori. Il nostro “compito” termina con la scelta potenziale, come si vede in tv, e quindi non ci interessiamo al dopo. Sono sicura però che alcune case siano state vendute perché ci hanno chiamato i protagonisti delle puntate per ringraziarci. E’ capitato anche che delle case venissero vendute non alle persone che le avevano visitate, ma ad altri che le avevano viste proprio nel programma." Fonte www.tvblog.it

    Insomma, finita la registrazione se ne fottono allegramente, pure ammesso.
    Bella merda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono commossa dalla documentazione, grazie

      Elimina
  6. Anche io non l'ho mai visto! Direi che ci ho solo guadagnato. Comunque sei sempre fortissima!! La Lucrezia maiala poi mi ha fatto sbellicare :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sei sempre troppo gentile. Mi fai mettere su un chilo ogni volta :)

      Elimina
  7. Io dico che la socia merita un encomio speciale per aver resistito a guardare tutto il programma!

    RispondiElimina
  8. Quel programma ha anche un altro pregio... mi fa trovare irresistibili le offerte di QVC (su cui "scalo" pur di cambiare canale) e simpaticissime e bravissime le conduttrici/conduttori.

    Aaah le candele finte... :-D

    Max

    RispondiElimina
  9. a me mi sa che te hai una vita bellissima, piena di soddisfazioni
    vivi giornate da favola attorniata da angeli custodi
    e siccome non t'incazzi mai in questo tuo mondo fatato
    ogni tanto accendi la tivù per ritrovare il giusto equilibrio
    vedendo nuvole di merda.
    Usi gli stessi aggettivi che io uso per quell'idiota di cicalo
    e quei bambocci che gli corron dietro.
    Te sè brava è la seconda volta che lo dico
    (o forse l'ho detto alla tua socia).
    Buonanotte.

    RispondiElimina
  10. Bellissimo :D
    Ho riso copiosamente

    G.

    RispondiElimina