mercoledì 6 febbraio 2013

Suggerito alle socie: San Gennaro (recensione sulla santità in generale e su Gennarino in particolare)






Dunque, san Gennaro
Tutti, anche i sassi, sanno che è il santo patrono di Napoli, un compito difficilissimo per
chiunque ma non per lui che infatti è santo e ha dei superpoteri.
Ma innanzitutto chiariamo chi sono i santi nella tradizione di santa romana chiesa: i
santi sono persone di fede cattolica che durante le persecuzioni dei cristiani non hanno
abiurato la loro fede e per questo sono stati uccisi in maniera orribile.
La morte per squartamento, tortura, decapitazione e scuoiamento è un prerequisito
indispensabile per diventare santo: se per esempio eri cristiano perseguitato e te ne
scappavi, cadevi per terra e ti rompevi la testa non potevi diventare santo: dovevi essere
catturato e torturato e poi eventualmente se ne parlava


San Gennaro, in effetti, non è che abbia avuto questa grande morte spettacolare: è
stato decapitato sulla solfatara di Pozzuoli; brutta storia, certo, ma rispetto ad essere
impalato o squartato o sbranato dai leoni non è che ci sia qualcosa di particolare.
Comunque, dopo la decapitazione, com’era in uso a quei tempi (siamo credo intorno
al 400 dopo Cristo) una pia donna raccolse il sangue da terra (non per pulire la strada
ma per qualche scopo necrofilo ecclesiastico che non mi è del tutto chiaro) e la testa
di Gennaro fu spedita a Benevento, sua città natale, dove fu conservata come una
reliquia. Successivamente, poco dopo l’anno mille la capoccia, in seguito ad un assalto
longobardo, fu presa e portata di fretta e furia a Napoli, posto notoriamente più sicuro: le invasioni barbariche, i terremoti, le eruzioni, la folla inferocita, il bradisismo e la
peste bubbonica l’avrebbero senz’ altro preservata meglio.
Comunque fatto sta che mentre la capoccia veniva portata nel duomo di Napoli, un’altra
pia donna portava le ampolle col sangue e quando i due pezzi di Gennaro (capa e
sangue) si trovarono insieme iniziarono ad accadere eventi prodigiosi, quali il 31 primo
estratto e la fine della pestilenza che i napoletani non si ricordavano manco più quando
era iniziata.
Ma il miracolo dei miracoli, quello per il quale San Gennaro è e sarà sempreternamente
ricordato e’ quello del 1631, anno in cui una spaventosa eruzione del Vesuvio stava
distruggendo quassicosa e manco potevi chiamà esercito che ancora non c’era; i reali
spagnoli, com’era uso a quei tempi, se n’erano fuggiti lasciando il popolo ad aspettare la
lava incandescente che intanto era arrivata fino al mare ma non si spegneva: avanzava
minacciosa dal golfo. Allora i napoletani tentarono il tutto per tutto: presero la statua
di san Gennaro e la portarono davanti al Vesuvio urlando: san Gennà aiutaci tu! se
veramente sei meglio di Maradona, ferma la lava!!!
E la lava si è fermata
Combinazione? 
Coincidenza?
Forse
Di certo non possiamo più chiedere alla lava se si sarebbe fermata lo stesso, pure senza la mano di San Gennaro
Comunque da allora chiese, canzoni e ballate dedicate a Gennaro sorsero spontanee per secoli
e per ricordare il suo miracolo tre volte all’ anno, nel duomo di Napoli, si scuotono le
ampolle con il suo sangue, che sotto gli occhi dei cittadini si liquefa’
Superstizione?
Puo’ essere
Fatto sta che, il 19 settembre 1980 il sangue di san Gennaro non si è sciolto e il 23
novembre e’ arrivato il terremoto dell’Irpinia e si e’ distrutta mezza città

Allora, sara’ pure superstizione ma se permettete il 19 settembre di ogni anno, tutti noi
napoletani tifiamo che il sangue si sciolga con la stessa intensita’ e con lo stesso fervore
con cui preghiamo che Cavani segni 4 polpette alla juventus tra tre settimane
Amen

11 commenti:

  1. Veramente ci hanno provato a farlo sbranare ma lui, con la sola imposizione delle mani , ha domato le belve, tre Leoni feroci. Mo non è per polemizzare ma a san francesco per un lupo lo hanno fatto patrono d'italia, a Gennaro per tre leoni minimo doveva diventare gran maestro Jedi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh quella dei leoni è considerata leggenda; la decapitazione è la versione storica ufficiale. Sta di fatto che, comunque, ha fermato la lava e secondo me gran maestro jedi ci stava tutto!!

      Elimina
  2. Altro pre-requisito per diventare santo è il filo-nazismo oppure un master in comunicazione mondiale

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post, Punzilla!
    Ma... mi spiace per chiosa finale: nonostante adori Cavani, non ce la farà. Neppure con San Gennaro: o almeno lo spero...

    Siamo litigate???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Bastian..non se il napoli vince hahahahah

      Elimina
  4. Preso atto degli ottimi rapporti che hai con Gennarino mi potresti fare un favore? Chiedigli se mi può dare tre numeri per un terno secco sulla ruota di Napoli. Da me può venire quando vuole, anche in sogno se crede.
    Attendo fiducioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ldo, riferirò...io intanto uno di numero ne ho dato...

      Elimina
  5. prima della partita gli faremo un'offerta che non può rifiutare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non potete: prima della partita sta chiuso dentro la teca di San gennaro :)

      Elimina
  6. a proposito di Napoli, mi piacerebbe tanto leggere un tuo divertente articolo sul falso filmato della 500 bloccata a Cardito e la mega cantonata presa dai vari TG e giornali... http://ildivanosulcortile.blogspot.it/2013/02/il-video-di-cardito-il-gasolio-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. heheheheh diciamo che è difficile scrivere qualcosa di originale su un evento che ha commentato a mezzo mondo..comunque ci proverò, giuro

      Elimina